La app FADINMED di FNOMCeO e FNOPI consente di accedere ai corsi di formazione a distanza. Si ricorda che l’accesso avviene con gli stessi id e pin della piattaforma www.fadinmed.it, alla quale bisogna accedere almeno una volta per il controllo automatico dell'iscrizione annuale alla propria federazione e sbloccare così i corsi disponibili.

Per accedere ai corsi basta cliccare su "Corsi".

Si possono riprendere e concludere corsi già iniziati sulla piattaforma, o viceversa iniziarli sulla app e concluderli sulla piattaforma. E’ anche possibile eseguire i corsi offline, quando non si è collegati a Internet.

Si ricorda che le attestazioni dei crediti e i propri dati personali non sono visibili dalla app ma sono accessibili solo entrando con id e pin sulla piattaforma FadInMed.

Per richieste di aiuto, scrivere a gestione@fadinmed.it

    Available courses

    Il corso offre informazioni sul riconoscimento dei segnali di pericolo, la gestione della crisi attraverso le tecniche di de-escalation dell’aggressività, l’importanza di un corretto debriefing, con particolare attenzione dedicata alle variabili e ai fattori di rischio per episodi di aggressione, le trappole mentali che conducono a non riconoscere situazioni a rischio, la valutazione della situazione aggressiva in divenire, le tecniche di gestione dello stress, la gestione dei familiari accompagnatori, la conduzione di un rapido assenso dello stato
    mentale, la sicurezza durante la de-escalation, il debriefing post evento e la creazione di un ambiente di clima di fiducia violence free.

    A distanza di circa 100 anni dalla pubblicazione del Codice Deontologico Unificato, la FNOMCeO ha avviato un processo di revisione del Codice di Deontologia medica (ultima versione del 2014) per giungere a un documento profondamente rinnovato nella forma e nella sostanza che, partendo dai principi etici che medici e odontoiatri si tramandano da millenni, sia in grado di affrontare le sfide del presente e del futuro. Per tale revisione è stato costituito un board multidisciplinare composto da medici, giuristi, docenti universitari, giornalisti, filosofi della medicina, esponenti della società civile.
    Successivamente al 2014 sono intervenuti nel panorama italiano leggi con un notevole impatto sulla condotta del medico: la legge n. 24 del 2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, la legge n. 219 del 2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, la legge n. 3 del 2018 sul riordino delle professioni sanitarie.
    Sulla base di queste premesse, la FNOMCeO ha sviluppato un corso di formazione a distanza (FAD) destinato a tutti i medici e odontoiatri italiani.
    L’obiettivo primario del corso è la conoscenza del Codice di deontologia medica e del suo sviluppo. Inoltre il medico deve essere informato sui fenomeni con risvolti etici e deontologici che interessano la società e la sua professione:comunicazione, approccio “One-health”, salute globale, telemedicina, nuove tecnologie, intelligenza artificiale.

    Sono sempre più frequenti gli episodi di violenza contro gli operatori sanitari o tra colleghi.
    I comportamenti violenti devono essere sempre stigmatizzati e il medico che li subisce non deve tacere, ma denunciare l'accadimento.
    Questo corso vuole fornire gli strumenti per prevenire questo tipo di situazioni e per sapere che cosa occorre fare quando si verificano.

    Questo corso, dedicato a salute e migrazione, è stato realizzato da FNOMCeO in collaborazione con l'Osservatorio Internazionale per la Salute (OIS) nell'ambito del progetto Sanità di Frontiera. Affronta i problemi di salute dei migranti, gli aspetti sociali, le malattie più comuni e le norme al riguardo.

    Gli interventi che migliorano l'appropriatezza clinica agiscono positivamente su diversi aspetti della qualità delle cure: aumentano l’adesione dei professionisti alle migliori conoscenze scientifiche (efficacia pratica), diminuiscono gli eventi avversi associati alle cure (sicurezza), accorciano le liste d’attesa (equità, accessibilità), limitano le emissioni di gas serra e l’impatto sull'ambiente (impronta ecologica), migliorano la relazione medico-paziente (qualità percepita) e non ultimo riducono gli sprechi di risorse (efficienza).
    Obiettivo del corso è la disseminazione delle conoscenze sui temi dell’appropriatezza clinica, del sovrautilizzo di esami, trattamenti e procedure, sulla campagna Choosing Wisely Italy e sulla sua evoluzione Green, nonché su alcune raccomandazioni di interesse generale medico.

    Oggi più che mai si è di fronte a una vera e propria epidemia di uso di farmaci nell’anziano. I dati AIFA indicano che nel 2022 la quasi totalità della popolazione anziana (98,4%) ha ricevuto almeno una prescrizione farmacologica. Il 68,1% ha ricevuto prescrizioni di almeno 5 diverse sostanze e più di un soggetto su 4 ha assunto almeno 10 principi attivi diversi con il rischio di eventi avversi e di reazioni crociate dovute alla politerapia.
    Questo corso FAD fornisce indicazioni su come gestire la politerapia e come evitare la cascata prescrittiva.
    Nel corso si acquisiranno le conoscenze sui rischi di un sovra e sottotrattamento, sui farmaci da evitare o usare con cautela nell’anziano e quali invece possono essere somministrati con tranquillità.

    Negli ultimi anni l'interesse per il microbioma è aumentato esponenzialmente: viene chiamato in causa nello sviluppo di varie malattie, viene considerato fondamentale per un buono stato di salute, vengono proposti probiotici e simili per garantire una situazione equilibrata del microbioma. Ma quanto c'è di vero in tutto ciò e quanto invece è dovuto a una spinta commerciale? Le risposte vengono da questo corso indipendente e senza sponsor.
    Questo corso consente di conoscere il microbioma e il microbiota, di comprenderne le funzioni nella persona sana nelle varie fasi di vita, di valutare quanto il microbioma influenzi alcune condizioni di malattia, di come si può agire sul microbioma attraverso comportamenti e farmaci, di quali siano le reali indicazioni per un trattamento (servono per esempio i probiotici in chi sta prendendo un antibiotico?), di conoscere che cos'è il trapianto di microbioma fecale e quali ne siano le indicazioni e l'efficacia, di essere consapevole infine della spinta commerciale legata ai prodotti disponibili sul mercato.